Cerca nel blog

domenica 19 settembre 2010

Italia in miniatura, si ricomincia!

Cavolazz, son proprio contento! Anche quest'anno il parco Italia in miniatura di Rimini mi ha commissionato delle nuove strisce a fumetti incentrate sul loro personaggio mascotte Emme.  Nelle strisce dell'anno scorso, il personaggio in questione (un'extraterrestre, per chi non lo sapesse) spaziava per il parco accompagnato dai suoi tragicomici cugini (ovviamente extraterrestri pure loro) che ne combinavano di tutti i colori. Nella prossima serie questi cugini  verranno spediti nello spazio, sparendo così dalla scena, e al loro posto subentreranno i personaggi storici  del parco come lo svampito professor Von Kaos,  la nevrotica Gina Bellisanti, il monello Robertino Teppistoni ecc. Questi characters, in versione mini-animatronic, "accompagnano" da sempre i visitatori lungo il tragitto del parco.  Beh, che altro dire? Non mi resta che rimettermi a disegnare al più presto!


© Italia in miniatura



mercoledì 8 settembre 2010

Ebbene sì, maledetto Boscho... ehm, cioè, Carter! Nick Carter!

Eh, già... che mito stò personaggio. Per la cronaca, Nick Carter è un personaggio a fumetti creato nel 1969 da Bonvi e Guido De Maria e mandanto in onda sulla Rai nel 1972 tramite la trasmissione Gulp! I fumetti in tv. Da piccolo andavo matto per questa trasmissione, ed in particolare adoravo questo detective. Sì, perchè Nick Carter era, appunto, un detective che, assieme ai suoi strampalati e bizzarri assistenti Patsy e Ten, risolveva dei veri casi improbabili che avevano come unico denominatore un nemico pazzesco di nome Stanislao Moulinsky. Costui arrivava a camuffarsi con qualsiasi cosa pur di farla in barba al nostro detective, senza ovviamente riuscirvi. Mitico, per me, rimane un suo travestimento da locomotiva in un episodio che al momento, causa amnesia, mi sfugge come titolo! Ah, ah, ah... a pensarci, mi sganascio ancora dalle risate! Comune, che c'azzecco io con stò Nick Carter? Beh, non tantissimo a dire la verità però... nel mio piccolo qualcosina ho fatto. Tanto per cominciare ho avuto l'onore di conoscere il mitico Bonvi nell'ormai lontano 1992. Dopo avergli presentato qualche disegno e, soprattutto, dopo aver fatto una gavetta della madonna facendo avanti indietro da Bologna a quel di Quistello (Mn) dove abito, anche perchè allora non c'erano pc o mail a riguardo, il mito autorizzò me a ridisegnare una storia (Il robot meccanico) che avrebbe dovuto essere pubblicata sull'allora mensile "Nick Carter". Avrebbe... perchè poi il mensile chiuse i battenti anzitempo e la "mia" storia rimase nel cassetto. Va beh, non importa... avevo conosciuto Franco Bonvicini. E tanto bastava... l'ultimo poteva chiudere la porta. 
Immagine tratta da "Il robot meccanico" 1993 ©Bonvi/De Maria

lunedì 6 settembre 2010

A scuola di fumetto!

Sì, sì sì... molto interessante! L'idea di questa scuola di fumetto online mi piace una cifra! Questa iniziativa della Coniglio editore, supportata e anche diretta da Laura Scarpa, permette a chiunque di frequentare un vero e proprio corso (via web) di fumetto. Requisito indispensabile (oltre al sapere un minimo disegnare), è quello di avere un computer ed una connessione internet. Personalmente, potrebbe essere quel che mi ci voleva per un bel ripasso generale sul fumetto. Non mi dispiacerebbe, infatti, rituffarmi nelle varie tematiche tipiche del disegno a fumetti come prospettive, anatomie, inquadrature, narrazione, inchiostrazione e via dicendo. E, a quanto pare, i corsi sono pure seguiti da veri maestri dell'arte disegnata come Franco Saudelli (La bionda) e Roberto Baldazzini (Ginger e Rogers, Chiara Rosenberg). Beh, staremo a vedere... intanto l'iscrizione è quasi a tiro!

venerdì 3 settembre 2010

Eccomi qua!

...iniziamo dalle presentazioni: mi chiamo Alfredo Boschini (Boscho), ho 47 anni, sono disegnatore tecnico Cad 2D/3D, disegnatore di fumetti e animatore 2D. Bene, ora che sapete tutto della mia vita, che cavolo scriverò di così interessante per tenere incollati i miei due seguaci (dei quali uno sono io) a questo stupendo blog? Di sicuro, posterò quello che mi girerà per la testa sul momento, quindi cavolate semiserie, serie, comiche e anzichenò. 

Ah, ho 47 anni, dato che sono nato nel 1966... e questo nonostante questo post sia stato pubblicato originariamente nel 2010. Lo specifico, perché sembra che qualcuno (uno in particolare, di cui non farò il nome ma a mio parere schizofrenico di base) non ci arrivi che i post sono aggiornabili eh...