Cerca nel blog

lunedì 5 dicembre 2011

Nuova inchiostrazione su stile diverso

16 commenti:

  1. Bravo
    baravo due volte!
    innanzitutto per il questo nuovo segno, che preferisco e ti consiglio di approfondire.
    poi per la soluzione finale, bella!

    RispondiElimina
  2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  3. Grazie ragazzi. Questo segno è più "semplice" rispetto il lavoro precedente ed è venuto sicuramente meglio (anche se di sicuro non esente da difetti). Il problema è che invece vorrei dare un cambio netto al mio tratto e puntare sul realistico. Questo qua sopra non so nemmeno dove possa porsi come genere: semirealistico :D, umoristico, boh... Come al solito, vedremo un po'....

    RispondiElimina
  4. Bravo Boscho mi piace! Anch'io ti consiglio di dare un seguito a questo esperimento anche perché nulla ti vieta di fare ANCHE roba più realistica, no? O magari potresti mescolare i generi...che dici? un saluto

    RispondiElimina
  5. Mi piace tantissimo molto di più dello stile Boscho classico :)

    RispondiElimina
  6. Ciao ragazzi e grazie! Ecco, adesso sono nel panico completo, mò che faccio? :D

    RispondiElimina
  7. Scherzavo, ma neanche tanto.. in fondo lo stile lo trovi solo disegnando...una curiosità: quali sarebbero i tuoi autori di riferimento per lo stile realistico?

    RispondiElimina
  8. Che siano di riferimento non so ma... alla prof vevo fatto i nomi di Magnus (perchè sono cresciuto con Alan Ford) e Bruno Brindisi.

    RispondiElimina
  9. Se ti piacciono allora per te sono autori di riferimento, no? ;) Comunque sono sicuramente due da cui si può imparare molto. Io ho una gran confusione in testa anche perché i miei gusti sono piuttosto vari (forse troppo)..mah, vedremo...

    RispondiElimina
  10. Boscho, anche io ti preferisco così, col comico dai un senso alle storie che nel realistico manca un pò. e poi qui non ti perdi nelle mlle righette che fai ripassando col PC, ed il risultato è più pulito e ne guadagna. Brindisi e Magnus sono anche tra i miei riferimenti, bella lì.

    RispondiElimina
  11. Commento al commento di Laura nel bog del corso: forse non avrei messo la battuta in penultima vignetta, accavalli 2 battute, lei che gli dice di spegnere tutto e lui che sa già cosa dirà lei, appesantisce un pò e perdi l'effetto di entrambe.

    RispondiElimina
  12. Ciao giack! E' vero, ne guadagna... ma io da testardo non voglio mollare l'altro tipo di inchiostrazione. Però, nulla toglie che potrei provare QUESTO tipo di ripasso sul disegno realistico. Vedo un po'. Per la battuta può funzionare anche come dici tu ma darebbe un'altro senso alla vignetta. In questa situazione volevo puntare alla cosiddetta monotonia di coppia dove la routine è talmente alta che lui già si aspetta esattamente cosa dirà la moglie una volta spenta la luce. Ma sono sottigliezze, ovvio :)

    RispondiElimina
  13. bravo, secondo me questa ink rende bene sul tuo realistico. e riguardo alla battuta a me faceva già ridere che lui non spegne la siga e lei lo riprende. Così si accavalla la battuta sulla monotonia. ma sono, appunto, sottigliezze. bravo.

    RispondiElimina